Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Restituzione Bonus bebé 2005, l'ennesimo pasticcio all'italiana

5 Agosto 2011
I suggerimenti di Cgil e Federconsumatori Parma

In questi giorni oltre 8000 famiglie italiane (a Parma un primo elenco riguarda 95 famiglie) stanno ricevendo dal Ministero dell’Economia e delle Finanze una contestazione di indebita riscossione del Bonus bebè, previsto da un provvedimento di legge per i figli nati negli anni 2005 e 2006.

 

In tali lettere si chiede la restituzione, entro 30 giorni, della somma illecitamente riscossa relativa all’importo di mille euro, e il pagamento della sanzione amministrativa in misura ridotta di 3mila euro, per ogni Bonus bebè riscosso illecitamente, a seguito dell’accertamento della falsa autocertificazione.

 

La Cgil e la Federconsumatori di Parma ricordano che il requisito per beneficiare del bonus, annunciato a suo tempo alle famiglie con una lettera augurale e propagandistica con tanto di felicitazioni per il nuovo arrivo ed un grosso bacio a firma del presidente del Consiglio, era un reddito di 50mila euro. Nella lettera non veniva chiarito se tale reddito fosse da intendersi lordo o netto, cosa che può avere indotto in errore molti richiedenti.

 

Si tratta in ogni caso, nella grandissima maggioranza, di discostamenti minimi rispetto al limite di reddito indicato. In tale senso è doveroso evidenziare l’abnormità delle eventuali conseguenze di natura penale e amministrativa, dettagliate nella lettera inviata in questi giorni, a carico delle famiglie che avrebbero truffato lo Stato, e tutto per un mero errore determinato nella stragrande maggioranza dei casi dalla scarsa chiarezza della normativa e delle informazioni ricevute.

 

Cgil e Federconsumatori di Parma ritengono pertanto indispensabile un intervento chiarificatore del Governo per evitare alle famiglie interessate un ingiusto pregiudizio personale e patrimoniale con l’obbligo ad una assistenza legale, ricordando che nel 2007 il governo Prodi aveva approvato una sanatoria per le famiglie immigrate che avevano ricevuto indebitamente il Bonus proprio a causa della scarsa chiarezza delle comunicazioni ministeriali.

 

La restituzione della somma percepita potrà comunque essere effettuata a rate. In ogni caso Cgil e Federconsumatori Parma invitano tutti gli interessati a non pagare subito la sanzione di 3mila euro ma, eventualmente, dopo accertamenti ulteriori da parte del Ministero e solo dopo che il giudice penale avrà valutato il fascicolo. Non è escluso infatti che la sanzione possa essere evitata se fosse riconosciuta la buona fede del cittadino.

 

La Cgil e la Federconsumatori locali restano a disposizione di tutti coloro che, avendo ricevuto la lettera con la richiesta di restituzione del Bonus bebé, necessitino di chiarimenti o assistenza nelle pratiche. Ancora una volta il tanto sbandierato interesse del nostro Governo per le famiglie si traduce in una politica pasticciata e puramente di facciata, che nega sistematicamente risposte concrete ai bisogni delle stesse.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome