Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

"No alla corruzione a Parma"

5 Luglio 2011
Anche la Cgil di Parma aderisce alla fiaccolata del 7 luglio

Anche la Cgil di Parma ha deciso di aderire al Comitato spontaneo di cittadinanza attiva “No alla corruzione a Parma” e parteciperà, quindi, alla fiaccolata per le vie della città organizzata per la sera di giovedì 7 luglio, da piazzale Santa Croce a piazza Garibaldi.

 

“Ci saremo – spiega Patrizia Maestri, segretaria generale della Cgil provinciale – perché c’è bisogno di un risveglio etico, di far sentire alle migliaia di lavoratori e pensionati che rappresentiamo e che non si riconoscono nell’immagine di corruzione e degrado morale che alcuni esponenti dell’amministrazione cittadina hanno consegnato alle cronache non solo locali, che non ci stancheremo di chiedere trasparenza ed efficienza da parte di chi ci governa. E il danno di immagine è solo il corollario di una macchina che è stata portata sull’orlo del precipizio: buchi di bilancio che denunciamo da anni e su cui abbiamo a più riprese chiesto confronti che si sono tuttavia limitati a una mera illustrazione; costi eccessivi e inspiegabili per consulenze e progetti che fanno a pugni con i bisogni delle famiglie e degli anziani che si vedono tagliare, ad esempio, l’assegno di cura; rette dei servizi educativi che diventano insostenibili a fronte di consulenze milionarie pagate coi soldi dei cittadini; società partecipate che diventano buchi neri, di cui non è stato fino ad ora possibile sapere la reale entità”.

 

“A tutto questo – aggiunge Patrizia Maestri – si aggiunge la mannaia della crisi che aggrava il tutto, rendendo le azioni oggetto delle inchieste di queste settimane ancora più insopportabili e inique. La Cgil e la sua gente sono da sempre portatori di un impegno civile fondato sui principi della legalità e dell’uguaglianza previsti dalla Costituzione. Il nostro impegno non può che essere diretto a contrastare gli effetti devastanti della corruzione e della illegalità, che condizionano pesantemente, in negativo, la crescita dell’economia e dell’occupazione e i cui costi gravano soprattutto su lavoratori e pensionati. Oggi non ci sono soldi per il sociale, ma ci sarebbero stati con una politica diversa. La Parma che noi rappresentiamo è quella degli uomini e delle donne che vivono del proprio onesto lavoro o di una pensione guadagnata con fatica e sacrificio. Persone che non vogliono doversi vergognare della propria città”.

 

“Per tutte queste ragioni – conclude la segretaria Cgil – saremo in piazza giovedì sera e invitiamo tutti coloro che sono stanchi di questo genere di amministrazione opaco e votato ad interessi diversi da quelli della collettività a partecipare alla fiaccolata, per dare un segnale tangibile del malcontento e della delusione che animano la maggiore (e migliore) parte della cittadinanza”.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome