Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 22 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

La Filcams Cgil di Parma contro la manovra

26 Agosto 2011
Nel commercio si vuole liberalizzare orari e aperture festive e domenicali

La manovra di ferragosto del Governo Berlusconi è socialmente iniqua, colpisce lavoratori e pensionati, taglia lo stato sociale, non prevede nulla rispetto all'enorme evasione fiscale ed ignora la diffusa richiesta di introduzione di una patrimoniale sulle grandi ricchezze. La Filcams Cgil di Parma chiede che il testo della manovra venga profondamente cambiato, mettendo in campo tutte le iniziative utili ad ottenere questo obiettivo, compreso lo sciopero generale proclamato per il 6 settembre.

 

Tra gli effetti poco valutati di quel testo c'è la previsione della totale liberalizzazione degli orari di apertura nel commercio, vantata dal Ministro Brambilla.

 

Già il precedente Decreto del 6 luglio 2011 aveva ambiguamente previsto che nelle Città d'arte fossero tolti tutti i vincoli in materia di orari del Commercio. Molti si erano chiesti quale senso vi fosse nel ribadire norme già esistenti, peraltro in ambito normativo di competenza Regionale/Comunale.

 

Il 13 agosto tutto è diventato più chiaro. Con un tratto di penna si è cancellato il riferimento alle Città d'Arte, estendendo così a tutto il commercio la totale libertà data agli esercenti di determinare gli orari di apertura; Roma e Firenze come gli Ipermercati della periferia. È evidente che tale percorso è stato dettato dalla Grande Distribuzione Privata, Federdistribuzione, associata a Confcommercio.

 

In sostanza, se il decreto fosse approvato, avremmo:

-         nessun limite alle aperture domenicali;

-         nessun limite alle aperture festive;

-         nessun limite all'orario massimo di apertura, che oggi è di 13 ore, e nessun limite quindi agli orari notturni.

 

La liberalizzazione degli orari commerciali avrà effetti depressivi sull'occupazione, il piccolo e medio commercio subiranno un nuovo duro colpo, rischiando di veder ridotta la propria presenza per lo più nei centri storici delle città, peggiorando la vivibilità degli stessi con una ulteriore  perdita di posti di lavoro; recuperati solo in minima parte dalle grandi imprese del settore che potranno permettersi l'estensione degli orari utilizzando lavoro precario in prevalenza femminile.

 

Il consumo non si incrementa aumentando le aperture nel commercio, ma sostenendo la quota di reddito disponibile nelle tasche degli Italiani.

 

A ciò si aggiunge la vergognosa abolizione, in questo caso per tutti i lavoratori, delle festività civili del 25 aprile, 1° maggio e 2 giugno.

 

La liberalizzazione degli orari si intreccia poi col Contratto separato del Commercio, recentemente siglato dalle sole Cisl e Uil di categoria assieme a Confcommercio e Confesercenti. Contratto separato che prevede l'obbligatorietà del lavoro festivo nel commercio privato, in precedenza facoltativo. Peggioreranno nettamente le condizioni materiali di lavoro di centinaia di migliaia di lavoratrici, già oggi impegnate con orari impossibili e bassi salari.

 

Il modello di consumo che un Paese adotta indica quale modello di sviluppo deve darsi. Guardando alle generazioni future il sindacato è per un modello sostenibile. Per le lavoratrici ed i lavoratori del commercio inizia una fase di grande mobilitazione e di lotta, per ottenere profonde modifiche ad una Finanziaria iniqua e sbagliata.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome