Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Greci Geremia: manodopera esterna al posto dei dipendenti in cassa integrazione

18 Maggio 2011
Secondo Flai, Fai e Uila si violano le norme contarttuali.

Sono ormai pochi i dipendenti rimasti in forza alla Greci Geremia & figli. Per la piccola realtà di Gaione, con quasi novant’anni di storia alle spalle e tra i clienti nomi come Nestlè, il declino è iniziato da tempo. Tant’è che, nell’arco dell’ultimo anno, l’organico si è quasi dimezzato. In tanti hanno fatto le valige. Del resto, quando alla continua incertezza sul proprio futuro lavorativo si aggiunge quella di non percepire la retribuzione dovuta, è comprensibile che si prendano altre strade.

 

Tuttavia pare che per la proprietà i dipendenti siano ancora troppi; così ad alcuni di loro è stato proposto il reimpiego, in seguito a loro “spontanee” dimissioni, attraverso una cooperativa di facchinaggio. Infatti, seppur a ritmo ridotto, l’attività nello stabilimento continuerebbe tuttora, con l’utilizzo di manodopera esterna in sostituzione di operai e impiegati da mesi in cassa integrazione straordinaria, senza stipendio né prospettive.

 

L’assunzione tramite cooperativa comporterebbe una retribuzione molto più bassa e la perdita di diritti assolutamente vitali (in primis gli ammortizzatori sociali) in una situazione già fortemente compromessa. Ancora una volta si assiste all’odioso ricatto, così in voga in tempi di crisi, che contrappone l’occupazione al salario ed ai diritti; come se dalla riduzione di questi ultimi potesse derivare il rilancio dell’azienda.

 

Una situazione che le organizzazioni sindacali di categoria Flai, Fai e Uila hanno già segnalato all’Ispettorato del Lavoro ravvisandosi, nel comportamento dell’azienda, una violazione delle norme contrattuali in materia di appalti. Una scorrettezza che, al di là degli aspetti legali, denota una totale mancanza di rispetto verso le sofferenze dei lavoratori che si pensa, forse, possano vivere d’aria.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome