Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Lunedì 21 Agosto 2017
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Camera di San Paolo e complesso monumentale della Pilotta, manca il personale

8 Agosto 2017
FP CGIL Parma: “Denunce inascoltate”

La Camera di San Paolo è una delle tante eccellenze presenti in questa città. Un sito museale importante che merita maggiore attenzione da parte delle istituzioni e della politica.

Naturalmente il problema di personale non concerne solo quel sito, ma riguarda tutti gli istituti dei Beni Culturali ubicati a Parma.

Sono anni che la FP CGIL denuncia questo grave problema della carenza di organico degli istituti di cultura statali di Parma, il cui personale, pur non avendo le capacità numeriche per garantire l'apertura degli spazi, opera in maniera encomiabile, affinché la fruizione dei beni lì custoditi sia la più ampia possibile.

Tutto ciò non può risolversi con una mera denuncia, per questo la FP CGIL chiede un intervento finalmente orientato ad un reale incremento di personale, utile ai siti presenti, ma soprattutto a questa città.

Già il 5 marzo del 2016, con un documento consegnato al vice presidente della Camera Sereni, sono state evidenziate le problematiche derivanti dall'esclusione della Camera di San Paolo dal nuovo Complesso Monumentale della Pilotta.

La Camera di San Paolo e la Spezieria oggi afferiscono al Polo Museale regionale, per la cui apertura è destinato, però, il personale del Complesso Monumentale della Pilotta, già esso stesso carente. Insomma una anomalia nel quadro cittadino.

Inoltre le problematiche su esposte furono, tramite le organizzazioni sindacali nazionali, evidenziate nell'agosto 2016 anche al Ministro.

Tutta questa situazione è nota e denunciata da tempo dalla FP CGIL Parma e si aggraverà col passare dei mesi, poiché parte del personale operante cesserà la propria attività lavorativa per raggiunti limiti di età. I lavoratori e il sindacato di categoria della CGIL lanciano un grido di allarme e chiedono che il nostro patrimonio sia fruibile. I lavoratori e i loro rappresentanti fanno di tutto per renderlo tale, ora tocca ad altri dare gli strumenti ed il personale congruo per l'ottenimento di tale risultato.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2017
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome