Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 22 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

12 dicembre, 4 ore di sciopero per cambiare la manovra

7 Dicembre 2011
Cgil, Cisl e Uil di Parma insieme in piazza Garbaldi dalle ore 15

Le segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil rispondono a questo attentato alle condizioni dei dipendenti e dei pensionati e anche al sindacalismo confederale chiedendo a tutti i lavoratori, a tutti i militanti, iscritti e dirigenti di aderire, lunedì prossimo, 12 dicembre, allo sciopero-protesta proclamato unitariamente per le ultime 4 ore di lavoro e di recarsi presso la prefettura per far sentire la propria voce e richiedere con forza di aprire un negoziato.

Nessuno può pensare che non ci sia la necessità di una manovra rigorosa, ma non può essere la solita manovra a senso unico, senza un valore sociale che contraddistingue chi ha dato e continua a dare e chi no, che non fa differenze fra chi ha e chi non ha. Non è la stessa cosa negare la rivalutazione delle pensioni e porre una tassa per il parcheggio della barca. Questa manovra colpisce ancora una volta i giovani e ancor più pesantemente le donne, si è accantonato ancora qualsiasi discorso di riforma fiscale ed è scomparso ogni accenno ad una possibile patrimoniale ed alle imposte dirette, per non dimenticare i costi della politica che improvvisamente non sono più un problema e comunque non immediato.

I sindacati confederali non sono d'accordo sulle misure riguardanti la rivalutazione delle pensioni e il limite di 900 euro, rivendicano una discussione sul fisco che preveda misure sulle tasse indirette e sui carichi patrimoniali. Nei nuovi provvedimenti non ci sono risorse per i più giovani e i più anziani sommano due svantaggi: gli si chiede di lavorare di più e di avere una pensione più bassa.

Cgil, Cisl e Uil sono convinti che in questa manovra manchi la crescita, mentre sono certi che porterà ad un aumento della disoccupazione, ad una diminuzione dei consumi per effetto dell’aumento dell’Iva,  e tutto ciò col rischio di non raggiungere l'obiettivo del pareggio di bilancio.

Per questo motivo hanno deciso questa mobilitazione affinché si apra un confronto che riveda in modo più equo gli interventi e per far pressione sugli organi legislativi (Camera e Senato) che andranno a discutere e approvare la legge con l’intento di far capire qual è il paese reale e quali sono le sue richieste.

Pertanto danno appuntamento a tutti, lavoratori, pensionati, donne e uomini affinché si ritrovino, lunedì 12 dicembre, alle ore 15, in P.zza Garibaldi e poi presso la Prefettura di Parma, per manifestare tutti insieme e chiedere al Governo una politica economica basata sì sul rigore ma che preveda una crescita e una giusta equità, per dire basta al prelievo nelle solite tasche.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome