Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it


ISCRIVITI ALLA CGIL


Venerdì 24 Maggio 2024
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI-SEDI-TELEFONI
CONTATTACI

Spi Cgil: "L'aumento dei salari di colf e badanti non gravi sulle famiglie"

17 Febbraio 2023
Necessarie misure di sostegno per l'assistenza ad anziani fragili e non autosufficienti

 

Dal 1° gennaio è entrato in vigore il nuovo aumento per i salari di lavoratori e lavoratrici domestiche, come colf e badanti, che crescono del 9,2% (adeguate all’80% dell’inflazione).

Un provvedimento giusto e necessario per lavoratrici e lavoratori, spesso immigrati, che svolgono un’attività gravosa di assistenza ai nostri anziani; del resto l’importanza di garantire ai più fragili un’assistenza di qualità si concretizza attraverso un regolare contratto di lavoro.

“Questo aumento degli stipendi però è destinato a gravare sui conti delle famiglie, soprattutto quelle che necessitano di assistenza continuativa con figure assunte per orari lunghi e spesso conviventi -precisa Valentina Anelli, segretaria generale Spi Cgil Parma- . In tempi di inflazione alta che erode il potere d’acquisto di salari e pensioni crediamo che questo provvedimento debba essere accompagnato da misure di sostegno alle famiglie. Quello di colf e badanti è per molti anziani non autosufficienti un servizio irrinunciabile, per questo chiediamo con forza che si attui al più presto la piena rivalutazione delle pensioni e l’aumento della 14esima che tutela le pensioni basse”.

In Emilia-Romagna, ha sottolineato lo Spi regionale in una nota, è necessario un aumento consistente del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza e una profonda riforma dell’assistenza domiciliare. A livello nazionale, Cgil e Spi rinnovano due richieste fondamentali: che sia approvata subito la Legge sulla Non Autosufficienza (accompagnata da un forte aumento del Fondo Nazionale per la non autosufficienza), che definisca i servizi essenziali da garantire a tutta la popolazione; una riforma fiscale che, valorizzando criteri di equità e progressività, riconosca alle famiglie che si fanno carico dei costi dell’assistenza specifica erogata dalle assistenti famigliari, un aumento consistente delle agevolazioni fiscali.

CONDIVIDI


SU WHATSAPP
SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2024
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome