Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Domenica 29 Maggio 2022
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI - SEDI
CONTATTACI

Dichiarazione di Elisabetta Franchi, espressione di una imprenditoria italiana che ignora i "fattori umani"

10 Maggio 2022
Gattini e Sartori: "Baggianate rivelatrici di un sistema"

Le parole di Elisabetta Franchi non devono stupire.
Le parole e i concetti espressi in quella intervista sono la cartina tornasole di una imprenditoria (in questo caso legata al settore moda) che non tiene in considerazione i “fattori umani” che producono e alimentano il loro successo.
In questo caso il riferimento alle età delle lavoratrici diventa il criterio di scelta per una sfavillante carriera; quasi sempre, e in modo insopportabile, queste regole valgono per le donne.
Perchè sono le donne ad incontrare gli ostacoli più grandi nella loro quotidianità, quando si parla di vita, di lavoro, di carriera.
E allora in questa ottica diventa importante avere donne che hanno già passato gli anni di possibili maternità andando a scegliere direttamente chi per questioni anagrafiche non ha più certe impellenze (come se una donna di 40 anni non avesse un bambino piccolo o ad esempio non si stesse separando).
La cosa effettivamente grave di questi ragionamenti da “spacconi” non sono tanto i concetti espressi, che purtroppo crediamo siano particolarmente condivisi da una parte della classe imprenditoriale, come in questi casi, particolarmente grezza, ma è il vedere sempre solo il qui ed ora, non avendo mai la capacità e la volontà di vedere al di là del primissimo orizzonte che è il proprio guadagno.
Non sarebbe preferibile l’impostazione di una società dove l’ampliamento dei diritti genitoriali (di padre e di madre) permettessero a tutti di immaginarsi la propria vita e la propria carriera? Non sarebbe preferibile un trattamento effettivamente egualitario tra uomini e donne cosi che le donne non debbano aspettare gli “anta” per esprimersi, per lavorare e per fare carriera?
Crediamo che solamente serie e strutturate politiche per la famiglia e per la genitorialità che amplino significativamente i diritti delle famiglie, delle coppie, delle madri e dei padri possano sovvertire quella impalcatura effettivamente patriarcale che regola la nostra società, che obbliga le giovani madri a scegliere tra la famiglia e una potenziale carriera e permette a questi “imprenditori” di esprimersi con affermazioni gravi e nello stesso tempo rivelatrici di una mentalità non ancora superata.
 
 
 

Lisa Gattini, segr. gen. CGIL Parma 

Silvia Sartori, resp. Coordinamento Donne CGIL Parma

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2022
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome