Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 25 Gennaio 2022
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

UN BENE... IN COMUNE Dalla Villa di Berceto all'indagine Aemilia

24 Giugno 2016
Sala del Consiglio Comunale di Berceto

A Berceto il primo laboratorio “Aria Pulita – Generazioni unite per la legalità”

Pensionati e studenti delle superiori e universitari si ritrovano per due giorni, venerdì 24 e sabato 25 giugno, nella villa confiscata alla mafia di Berceto, per organizzare incontri e laboratori sulla legalità. Il 25 mattina un incontro pubblico con gli avvocati  Stefania Narducci e Federica Volta, autrici dello studio sui beni confiscati in Emilia-Romagna.


Nel comune di Berceto, venerdì 24 e sabato 25 giugno, si svolge la prima edizione del laboratorio “Aria pulita – Generazioni unite per la legalità”.

Il Sindacato Pensionati SPI CGIL di Parma e l'UdU - Unione degli Universitari di Parma si incontrano per confrontarsi sui temi della legalità a Berceto, dove si trova un bene confiscato alla mafia e ora messo a disposizione della comunità.

Venerdì mattina, dalle ore 10, per tutto il giorno, gli studenti e  i pensionati metteranno in campo idee per poter comunicare a quante più persone la realtà delle infiltrazioni mafiose nel nord e a Parma e chi a loro si oppone, attraverso la realizzazione di un breve video, da poter diffondere attraverso i canali social, nei media, e nelle scuole.

Sabato mattina, sempre alle ore 10, nella Sala del Consiglio Comunale di Berceto, avrà luogo un incontro pubblico, aperto a tutta la cittadinanza, dal titolo “Un bene... in Comune - Dalla Villa di Berceto al Indagine AEMILIA”, al quale interverranno le avvocatesse Stefania Narducci e Federica Volta, curatrici dello studio sulla Villa di Berceto all'interno del Master in “Gestione e riutilizzo dei beni confiscati alle mafie Pio La Torre” dell'Università di Bologna. All'incontro parteciperanno Rossana Rossi, del coordinamento di Libera Parma e il sindaco di Berceto Luigi Lucchi. Presiderà l'incontro Paolo Bertoletti, segretario generale SPI CGIL Parma, porterà il suo saluto Enrico Gulluni, coordinatore Udu Parma.

Al pomeriggio, i volontari lavoreranno per realizzare un depliant informativo sul bene confiscato della villa di Berceto, perché ognuno, entrando nel bene, possa conoscere la storia che lo caratterizza. I volontari saranno ospitati dentro la Villa Berceto, di via Olari 5, bene confiscato alla mafia e oggi divenuto centro civico al servizio della comunità, gestito dall'onlus Fantasia.

Le due giornate della legalità sono organizzate da SPI CGIL e UdU Parma, con la collaborazione del Comune di Berceto e la partecipazione della Rete Studenti Medi dell'Emilia-Romagna.

 

Storia del Bene confiscato

La villa, lussuosa, con una piscina interna, sulle montagne di Berceto, è stata confiscata a un uomo dei casalesi, Vincenzo Busso, per riciclaggio in attività immobiliari e beni provenienti dal traffico di stupefacenti. Dopo un accordo stipulato tra la Regione Emilia-Romagna e la cooperativa sociale Onlus Fantasia, con l'impegno del Comune di Berceto, la villa è diventata un centro civico aperto a bambini e anziani.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK


ALLEGATI


La locandina dell'evento


A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2022
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome