Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 25 Gennaio 2022
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Corteo Antifascista e Antirazzista

28 Maggio 2016

Anche la CGIL di Parma aderisce al corteo antifascista e antirazzista, promosso da ANPI Parma e dalle altre associazioni partigiane con il supporto del coordinamento antifascista cittadino di cui anche la Camera del Lavoro fa parte, per il prossimo sabato, 28 maggio: occorre contrastare con la forza della civiltà e della partecipazione i gravi insulti alla Resistenza apparsi davanti ad alcune scuole cittadine e di fatto rivendicati da Casapound.

Parma medaglia d'oro della Resistenza, delle centinaia di caduti per la libertà, degli innumerevoli perseguitati e incarcerati dal regime fascista, dei tanti deportati nei campi di sterminio nazisti, non può rimanere inerte e indifferente di fronte ad atti che, anche se tentano di accreditarsi in una veste diversa e trovano sponde in partiti presenti in Parlamento, non riescono a nascondere ciò che sono realmente : rigurgiti di fascismo e razzismo.

Il coordinamento Antifascista e antirazzista di Parma invita i cittadini, le istituzioni, le associazioni, i partiti, i democratici tutti a partecipare.


“Coordinamento Antifascista e Antirazzista Parma”: chi siamo

Dall’assemblea pubblica del 16 maggio 2016 indetta dall’Anpi sezione di Parma nasce il “Coordinamento Antifascista e antirazzista Parma”.

Lo scopo è opporsi democraticamente al ripetersi in Europa, in Italia e in ambito locale di iniziative e manifestazioni di chiaro stampo fascista e razzista, sfociate spesso in episodi di aggressioni e violenza. 

Ricordiamo la liberazione del nostro paese dal regime nazi-fascista.

Ricordiamo i valori che animavano la lotta partigiana e che tutt’oggi sentiamo nostri. Democrazia, mutualismo, solidarietà, pluralismo e libertà sono ciò che oggi come allora ci orientano nella costruzione del bene comune.

Ancora oggi riusciamo a vedere la paura e la rabbia negli occhi di chi ci racconta cos’è stato il fascismo e la guerra. 

Coltivare il ricordo ci aiuta ancora a prevenire il ripetersi di un nuovo periodo di odio e di paura. 

Crediamo che sia proprio la perdita di questa memoria a favorire il diffondersi di un pensiero xenofobo fondato sulla costruzione del nemico interno e che legittima le guerre.

La «memoria corta» scientificamente costruita nei paesi occidentali, soliti a presentarsi come «santuari di pace» in un mondo di guerre, mai parla del processo che ha portato all’attuale stato di guerra diffusa e permanente. 

Mai ci si domanda quali saranno i costi (e benefici) dei conflitti e mai ci si chiede chi subirà i danni (e i vantaggi) delle ostilità.

Un’Europa che calpesta i diritti umani, che mercifica e sfrutta la vita di milioni di persone con accordi internazionali vergognosi come quello stipulato con la Turchia lo scorso 18 marzo.

Il progetto Europa che voleva cancellare le brutture del XX secolo vede ora riemergere le stesse vecchie politiche xenofobe e nazionaliste, lo stesso trattato di Schengen vale ormai solo per le merci e non più per le persone.

In questo quadro di riferimento anche nella nostra città abbiamo dovuto assistere all’apertura di un nuovo covo dell’odio, a cui bisogna opporre una ferma e unanime contrarietà.

L’assalto nel 2012 al Circolo Minerva nel quartiere Montanara, le ricorrenti aggressioni di studenti davanti alle scuole, le aggressioni omofobe, l’infiltrazione in comitati di cittadini per diffondere parole d’ordine razziste, le sedicenti “ronde”, la recente esposizione davanti ad alcune scuole della nostra città di striscioni con scritte volgarmente offensive contro la Resistenza da parte di Blocco studentesco e CasaPound ci devono indurre a ritrovare quell’impegno civile che da sempre ha caratterizzato la nostra città.

Così come la notizia di poche sere fa di alcuni attentati contro cittadini migranti della nostra città, in particolare l’ordigno esploso davanti al centro di accoglienza per migranti di B.go Onorato si caratterizza in modo evidente per la matrice razzista.

Parma medaglia d’oro della Resistenza, delle centinaia di caduti per la libertà, degli innumerevoli perseguitati e incarcerati dal regime fascista, dei tanti deportati nei campi di sterminio nazisti, non può rimanere inerte e indifferente di fronte ad atti che, anche se tentano di accreditarsi in una veste diversa e trovano sponde in taluni partiti presenti in Parlamento, non riescono a nascondere ciò che sono realmente: rigurgiti di fascismo e razzismo.


Programma e percorso della manifestazione 

Raduno: ore 15.30 in piazzale Barbieri di fronte alla sede dell’ANPI

Partenza: ore 16.00

Itinerario:

Via Nino Bixio, Via Benassi, Piazzale Rondani (verrà effettuata una sosta di raccoglimento al monumento alle barricate con canti e testimonianze), Borgo S. Caterina, Via Nino Bixio, Piazzale Corridoni (verrà effettuata una sosta di raccoglimento con canti e testimonianze), Via Mazzini, Via Garibaldi, Piazzale della Pace (verrà effettuata una sosta di raccoglimento al monumento al Partigiano con canti e testimonianze).

Termine previsto della manifestazione: ore 19.30

Per accordo condiviso, saranno presenti solo bandiere e labari delle Associazioni Partigiane, dell’ANED, dell’ANPPIA e striscioni con slogan riferentesi al tema della manifestazione contro il fascismo e il razzismo

Si invitano tutti i partecipanti a rispettare rigorosamente queste indicazioni.


CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2022
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome