Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 22 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Trasporto interno Ospedale Maggiore: accordo per il pagamento degli stipendi

24 Ottobre 2011
Filt, Fp e Cgil soddisfatti; ma ora occorre internalizzare il servizio

Si è perfezionato lo scorso 20 ottobre un importante accordo tra l'azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma ed i lavoratori dipendenti di Croce Italia Marche, rappresentati dalla FILT CGIL provinciale, che si occupano del trasporto dei pazienti all'interno dell'Ospedale Maggiore di Parma e che dal mese di luglio 2011 non ricevono lo stipendio.

 

L'accordo prevede il pagamento ai lavoratori delle somme dovute da parte dell'azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, che si sostituisce in questo modo al datore di lavoro inadempiente; in questo modo si è tamponata una situazione difficilissima per i lavoratori, che ormai da troppo tempo vivono sulla propria pelle una situazione di disagio insostenibile.

 

Ora l'obiettivo del sindacato e dei lavoratori è quello di risolvere in modo definitivo una situazione critica che, ormai da troppi mesi, tutti i lavoratori dell'A.T.I. (associazione temporanea di imprese composta da Croce Italia Marche di Rimini, Croce Azzurra Fano, Croce Verde Fano), e non solo i dipendenti di Croce Italia Marche, stanno vivendo. In materia di trattamenti economici, lo straordinario non viene retribuito, i buoni pasto previsti non vengono consegnati e diverse indennità non vengono conteggiate correttamente; per quanto attiene agli aspetti normativi i turni di lavoro vengono presentati al personale giorno per giorno, senza l'indicazione del giorno di riposo ed i lavoratori, che si devono sempre rendere disponibili, non riescono in alcun modo a programmare la propria vita privata e di cura della famiglia.

 

La soluzione ormai non può che essere la revoca dell'appalto all'A.T.I e la internalizzazione del servizio, dal momento che la gestione attuale, non rispettando leggi e contratti di lavoro, calpesta la dignità dei lavoratori e, in un settore delicato come questo, può finire per influire negativamente anche sulla qualità del servizio.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome