Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Telemarketing: con la nuova legge più molestie (telefoniche) per tutti

2 Febbraio 2011
Federconsumatori e Adusbef chiedono una deroga all'attuazione del nuovo sistema voluto dal Governo

Dal 1 febbraio 2011 le famiglie italiane, senza che ne abbiano minima conoscenza, potranno essere importunate e molestate telefonicamente per la commercializzazione e le più svariate vendite di prodotti e servizi. Infatti è entrata in vigore, voluta fortemente da questo Governo, la nuova normativa di telemarketing che, superando la vecchia legge in cui si poteva essere contattati attraverso elenchi di cittadini che avevano dato il loro benestare (sistema opt-in), prevede oggi il nuovo sistema (opt-out) per cui, coloro che non vogliono essere contattati, devono necessariamente richiedere l’iscrizione nel cosiddetto “registro delle opposizioni”. Tutto ciò senza un adeguato periodo transitorio, fondamentale per l’informativa alle famiglie anche alla luce delle esperienze registrate in altri stati della Comunità Europea (Spagna e Regno Unito), che hanno adottato questo sistema e che ha visto la lista delle opposizioni raggiungere dimensioni adeguate solo dopo svariati anni di vigenza del nuovo sistema. Tutto ciò è molto grave e comporterà fortissimi disagi alle famiglie italiane, soprattutto a quelle più anziane.

Ecco perché la Federconsumatori e Adusbef chiedono una deroga all’attuazione di questo sistema per permettere una capillare informazione al Paese. Inoltre sarebbe interessante capire, e verranno presentati esposti in tal senso, come è stato possibile affidare l’incarico di costituire il “registro delle opposizioni” ad una Fondazione senza che vi sia stata, anche qui, una minima informazione su tale affidamento. Naturalmente, nei prossimi giorni, oltre contrastare tutto ciò, le associazioni dei consumatori metteranno in campo strumenti comunicativi ed informativi per mettere il più possibile al riparo da queste vere e proprie “molestie telefoniche” le famiglie italiane.

Come è possibile iscriversi al registro? Ogni utente potrà richiedere che la numerazione della quale è intestatario sia iscritta nel registro attraverso modalità gratuite e di facile utilizzo, mediante: compilazione di apposito modulo elettronico sul sito web del gestore del registro pubblico www.registrodelleopposizioni.it; telefonicamente, chiamando dalla linea telefonica con numerazione corrispondente a quella per la quale si chiede l'iscrizione nel registro, al numero telefonico gratuito appositamente predisposto dal gestore del registro 800.265.265. Il sistema, che molto probabilmente funzionerà mediante risponditore automatico, dovrà comunque prevedere la possibilità per l'abbonato di ottenere comunque un’assistenza telefonica non automatizzata in caso di difficoltà o problemi di iscrizione o modifica o cancellazione dei dati; mediante invio di lettera raccomandata o fax; mediante posta elettronica. L’iscrizione al registro è gratuita, ha durata indefinita e può essere revocata in qualsiasi momento.

 

I soggetti che effettuano telemarketing, inoltre, sono tenuti per legge ad informare gli utenti circa l’esistenza del registro e le modalità di iscrizione ad esso, per evitare, così, i futuri contatti.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome