Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Tas, congelata la chiusura della sede di Parma

30 Luglio 2011
Fiom Cgil e coordinamento RSU sospendono le iniziative di lotta in attesa dell'incontro del 7 settembre

Lo scorso 28 luglio si è tenuto a Parma l’incontro tra direzione aziendale, Fiom Cgil di Parma, Bologna e Roma ed il Coordinamento Rsu Tas in merito alla chiusura della sede di Parma di Tas S.p.a. annunciata il 12 luglio.

 

Contemporaneamente tutti i lavoratori di tutte le sedi erano in sciopero ed un folto gruppo di essi, in parte giunti anche da Bologna e Roma, presidiava la sala dove si stava tenendo l’incontro.

 

In oltre tre ore di confronto, la delegazione sindacale ha ribadito e dimostrato l’inconsistenza delle ragioni alla base della decisione aziendale di chiudere Parma, nonché gli effetti negativi che ne deriverebbero, già nell’immediato, in termini di perdita di professionalità, competenze e fatturato. Contemporaneamente è stata esplicitata la disponibilità, anche con proposte, ad affrontare concretamente e senza pregiudiziali le problematiche legate ad efficienza, coordinamento fra le varie sedi, produttività e formazione dei lavoratori, in un ambito, però, che preservi tutte le sedi e l’occupazione in tutta la società Tas. É stato altresì sostenuto da parte sindacale che le criticità evidenziate dall’azienda, così come i problemi economici, di mercato e di prodotto, non possono oggettivamente essere ricondotti o imputati ad un’unica sede e di conseguenza analisi e soluzioni vanno effettuate ed attuate guardando all’intera società, se si vuole ottenerne il rilancio.

 

L’azienda, pur confermando, al momento, la propria posizione, ha manifestato l’esigenza e l’impegno ad approfondire quanto emerso durante l’incontro ed ha rinunciato a procedere con la comunicazione ufficiale, prevista dalle norme contrattuali e di legge, della chiusura della sede di Parma e del trasferimento di tutti i dipendenti a Bologna e Milano.

 

É stato così fissato un nuovo incontro per il prossimo 7 settembre al fine di proseguire il confronto con l’obiettivo di cercare soluzioni condivise. A fronte di tutto ciò Fiom Cgil e Coordinamento Rsu hanno sospeso le iniziative di lotta in attesa dell’esito dell’incontro.

 

“É un risultato importante– spiega Davide Fellini, della Fiom Cgil di Parma – se si considera che l’azienda, già la settimana scorsa, aveva manifestato l’intenzione di procedere con la comunicazione formale della chiusura di Parma e il relativo trasferimento dei dipendenti e che tale comunicazione era sul tavolo della trattativa il 28 luglio. Risultato che è stato possibile ottenere grazie alla grande e costante determinazione e mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori che, a Parma, hanno effettuato presidi e scioperi per oltre 60 ore nelle ultime due settimane. Al momento la partita è solo sospesa, ma è chiaro che il confronto deve ripartire dalla soluzione dei veri problemi senza passare per scorciatoie quali la chiusura di Parma”.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome