Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 25 Giugno 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Sentenza Bonatti, spunti di riflessione e proposta

25 Gennaio 2019
Leone (FILLEA CGIL Parma): "Quei drammatici fatti permettano l'avvio di nuove e più fattive collaborazioni tra azienda e rappresentanze dei lavoratori"

La sentenza di condanna in primo grado dei vertici della Bonatti, provider internazionale oil & gas con sede a Parma, deve prestarsi, secondo la FILLEA CGIL provinciale, ad una riflessione a freddo che permetta di far tesoro dei tragici eventi che nel 2015 portarono al rapimento di quattro tecnici italiani in territorio libico.

I manager sono stati ritenuti colpevoli di cooperazione colposa nel delitto doloso, con pena sospesa. Durante il processo infatti è emerso che la Bonatti non aveva un responsabile deputato alla sicurezza in territorio libico. "Al di là delle presunte o reali inadempienze dell'azienda, che peraltro mi risulta adottare tutti protocolli del caso per la sicurezza nella cantieristica - commenta Antonino Leone, segretario della FILLEA di Parma -, sono contento per questa sentenza, perchè è a favore dei lavoratori. Nelle aule di giustizia si va affermando un avanzamento in tema dei diritti dei lavoratori sulla sicurezza, a partire da principio, non scontato in tempi in cui i diritti si stanno affievolendo proprio a danno dei più deboli, dell’inviolabilità e della sacralità della vita umana, che deve essere efficacemente protetta da rischi, pericoli o minacce".
 
"Quello che è risultato insufficiente, allora come ora - prosegue il segretario FILLEA -, è un rapporto costruttivo e rispettoso dei ruoli con le organizzazioni sindacali. Le critiche mosse a suo tempo dal nostro sindacato alla dirigenza della società, erano appunto relative alla indisponibilità verso un confronto preventivo finalizzato alla maggiore tutela possibile per i lavoratori trasfertisti. Una indisponibilità che alla fine si è rivelata penalizzante per la stessa azienda".
 
"Auspichiamo quindi – conclude Leone – che la recente sentenza possa rappresentare uno spartiacque e un viatico per nuove e più collaborative relazioni sindacali, perché al di là delle effettive responsabilità legali esistono piani diversi di responsabilità, anche morali, che investono tutti i soggetti in qualche modo responsabili della sicurezza dei lavoratori".

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome