Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Venerdì 3 Luglio 2020
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Sciopero con presidio addette/i sportelli IREN: un peggioramento contrattuale inaccettabile

25 Giugno 2020
FILCAMS CGIL: "La mobilitazione di oggi vuole scongiurare situazioni analoghe che domani potrebbero riguardare anche altri settori in occasione di cambi appalto"

Si è svolto stamattina, in concomitanza con la giornata di sciopero delle addette e degli addetti So.Sel Spa ed MSC SRL degli sportelli IREN MERCATO CUSTOMER CARE di Parma, Reggio Emilia, Modena e Piacenza, il presidio dei lavoratori presso la sede IREN di strada S. Margherita a Parma.

La vertenza riguarda il cambio di applicazione contrattuale a seguito di cambio appalto, una vicenda che oggi va ben oltre la categoria interessata, dal momento che va a toccare uno dei punti più critici del lavoro in appalto, qualunque settore interessi.
 
Si tratta in questo caso di lavoratrici e lavoratori che hanno alle spalle anni di lavoro nel medesimo ruolo e mansione vestendo i panni di IREN, e che si ritrovano oggi, per effetto del cambio appalto, a svolgere il medesimo "mestiere" con una notevole penalizzazione economica e di diritti.
 
Fino ad oggi il CCNL applicato è stato quello del Commercio/Terziario, che già di per se' in questo caso è poco rappresentativo rispetto al tipo di lavoro svolto. Ora l'azienda subentrante, con la complicità della committenza, intende applicare loro il più svantaggioso CCNL Multiservizi/Pulizie industriali.
 
Questi lavoratori sono da anni addetti agli sportelli e la loro professionalità non trova alcun riscontro nel seppur vasto panorama delle mansioni che il Multiservizi prevede. In tutto ciò la committenza, ovvero IREN, non solo rifiuta di riconoscere il problema e prende le distanze, ma si è permessa, in occasione del precedente sciopero, di sostituire con proprio personale le lavoratrici che vi avevano aderito: il che la dice lunga, tra l'altro, sulla genuinità dell'appalto.
 
La gravità della vicenda è tanto maggiore in quanto potrebbe interessare, in prospettiva, anche altre categorie contrattuali in occasione di cambi di appalto, ragione per cui il presidio odierno ha raccolto la solidarietà anche di lavoratori di altri comparti.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK


ALLEGATI


Una foto del presidio


A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2020
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome