Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Parmalat, inaccettabile il valzer di liste e il silenzio del governo

18 Marzo 2011
Dichiarazioni del Segretario Generale della Flai Cgil Stefania Crogi

 
Ricordatevi che quando parliamo di Parmalat parliamo di 2200 lavoratori, delle loro famiglie, dei sacrifici e del lavoro che negli ultimi sette anni hanno permesso che l’azienda riuscisse a sopravvivere al crac Tanzi, a fare reddito e a rimanere nucleo importante dello sviluppo di questo paese.

Il lavoro effettuato in questi anni è servito a dimostrare che il crac era stato determinato da una gestione “delinquenziale” delle risorse e che, invece, il corpo produttivo dell’azienda era un corpo sano, costituito da quella forza lavoro, che in questi anni, insieme con le organizzazioni sindacali, si è resa disponibile a turni, orari, flessibilità, senso di responsabilità negoziale perché eticamente consapevole e responsabile di quanto fosse importante vincere la battaglia della sopravvivenza.

E’ per questo che diventa inaccettabile assistere ad un valzer di quattro liste, con altrettanti candidati, che si contenderanno i posti in consiglio alla prossima assemblea del prossimo 14 aprile.

Sorprendente è la posizione del ministero dello Sviluppo economico che all’ultimo minuto ha disdetto l’incontro programmato con le segreterie nazionali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil con la Parmalat nel quale si doveva arrivare ad un chiarimento sulle prospettive industriali del gruppo mentre la Presidenza del Consiglio ha totalmente ignorato la nostra richiesta di incontro.

L’italianità del gruppo, sbandierata come valore dal mistero, non trova poi da parte del governo concreti atti volti alla sua tutela e salvaguardia.

La Flai Cgil da sempre rivendica l’importanza dell’italianità della Parmalat ed è per questo che abbiamo rivendicato con forza che le risorse accantonate, il cosiddetto “tesoretto”, dovevano e devono servire a implementare con investimenti ed acquisizioni, lo sviluppo delle politiche industriali e produttive della Parmalat.

E’ per questo che la Flai Cgil, insieme con i lavoratori della Parmalat contrasterà in ogni modo qualsiasi “cordata” che si ponga obiettivi diversi, quali lo spezzettamento, la vendita di asset, processi di ristrutturazioni che direttamente o indirettamente possano colpire i lavoratori.

I lavoratori della Parmalat non sono più disposti a sacrifici, pretendono certezze, lavoro e prospettive di sviluppo certe. E La Flai Cgil è con loro.

Roma, 18.3.2011

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome