Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 22 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Luca Ferrari è il nuovo segretario generale della Flai di Parma

23 Novembre 2011
Eletto a grande maggioranza dal Direttivo del 22 novembre

Nella mattinata di ieri, 22 novembre, il Comitato Direttivo della Flai Cgil di Parma ha eletto a grande maggioranza il nuovo segretario generale della categoria. Si tratta di Luca Ferrari, 35 anni, che succede a Tilla Pugnetti, alla quale è andato il commosso e sentito ringraziamento di tutto il Direttivo e della segreteria confederale.

 

Luca Ferrari, laureato in filosofia, compie i primi passi in Cgil nel 2000 durante il servizio civile, dove è impegnato presso l’ufficio migranti e disoccupazioni. Nel 2002 entra stabilmente in Flai, nella Camera del Lavoro di Langhirano, approdando nel 2007 alla sede di Parma. Nella segreteria Flai, di cui diviene responsabile organizzativo, il suo impegno sarà tra l’altro orientato ad affrontare temi emergenti come quello del caporalato, dell’integrazione e tutela dei lavoratori migranti nelle aziende del settore alimentare e della trasparenza negli appalti.

 

Il nuovo segretario raccoglie il testimone da Tilla Pugnetti per impegnarsi, alla guida di quella che rappresenta senza dubbio (nel territorio e non solo) una delle più importanti categorie sindacali, all’insegna di una continuità con la linea fin qui tracciata. “Dovremo proseguire – spiega Luca Ferrari - nel fondamentale percorso di tutela dei diritti dei lavoratori, tanto più importante in un momento di crisi come quello attuale, partendo dalla salda convinzione che non è abbassando il costo del lavoro che si rilancia la competitività delle aziende di Parma. In questo senso credo che sarà cruciale, insieme alla soluzione della vertenza Boschi, l’opera di contrasto alla destrutturazione delle imprese e dei contratti provinciali (prosciuttifici e pomodoro) che sembra venire avanti. Quanto alle grandi aziende, dovremo misurarci sul piano industriale di Lactalis per la Parmalat e sulla tenuta dei volumi produttivi di imprese come Barilla, Nestlé, Heinz.”

 

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome