Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Liberalizzazione totale delle aperture nel commercio: ultimo regalo del governo Berlusconi ai lavoratori (e alle nostre città)

28 Novembre 2011
Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil intervengono su un provvedimento che ritengono depressivo e iniquo

Ancora una volta torna alla ribalta la ricetta dei negozi sempre aperti, feste e notti comprese, per risollevare le sorti dell’economia. Le lavoratrici del settore, le loro famiglie e il traffico  delle nostre città subiranno forse questa volta il colpo finale.

 

La circolare del 28/10 del Ministero dello Sviluppo Economico interviene pesantemente sulla materia e stabilisce che nelle città d’arte non potrà esserci nessun limite alle aperture, né per zone né per le festività fissate come inderogabili dalla legge regionale dell’Emilia Romagna. Il provvedimento aggira e cancella la competenza legislativa delle Regioni e dei Comuni ed esaspera la competizione commerciale, scaricandone i maggiori costi sulle condizioni di lavoro, sui consumatori e sulle piccole imprese.

 

Siamo nel momento più delicato di una crisi economica senza precedenti e non si può pensare che il consumo continui ad orientare le esistenze delle persone e la vita dei centri urbani senza un ruolo dell’ente locale che garantisca soluzioni equilibrate a vantaggio della maggioranza della popolazione oltre che rispettose dell’identità del territorio.

 

FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL risono convinte che se non interverranno modifiche alla normativa si assisterà ad una deregolamentazione selvaggia del settore. È infatti facilmente prevedibile che tale liberalizzazione avrà effetti ulteriormente depressivi, spostando quote di mercato dal piccolo commercio e dai centri storici verso la grande distribuzione che sempre più erode i salari dei lavoratori, non dà occupazione aggiuntiva a fronte delle maggiori aperture ma diventa sempre più la nuova frontiera della precarietà per chi vi opera già oggi con orari impossibili e bassi salari.

 

Le stesse associazioni datoriali del settore riconoscono i danni di una siffatta liberalizzazione.

 

Le organizzazioni sindacali unitarie di categoria, in attesa di un incontro con la Regione fissato per i prossimi giorni, continueranno a chiedere di utilizzare i tavoli di concertazione in sede comunale per mantenere la programmazione del 2012 coerente con la legge regionale e sviluppare eventuali protocolli d’intesa che impegnino tutte le parti a condotte coerenti con quanto sperimentato positivamente a Parma negli anni scorsi.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome