Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

"I bancari di Parma a fianco dei lavoratori di Mirafiori e della FIOM, per lo sciopero generale"

31 Gennaio 2011
Ordine del giorno CD Fisac Cgil Parma del 31 gennaio 2011

I componenti del Comitato Direttivo della Fisac CGIL di Parma, riuniti il giorno 31 gennaio 2011, ritengono che l’accordo imposto dalla Fiat a Mirafiori sia un gravissimo attacco alla libertà delle lavoratrici e dei lavoratori e che peggiori le condizioni di lavoro, fino a livelli di sfruttamento inaccettabili, che cancelli il Contratto Nazionale e diritti indisponibili che rappresentano principi e valori basilari della Costituzione Italiana e che - come testimoniato dalle affermazioni del ministro del lavoro Sacconi e dalle successive dichiarazioni di Federmeccanica in merito alla possibilità di rendere gli accordi aziendali sostitutivi di qualsivoglia altro contratto o norma – rischia di essere esteso ad altre aziende, ad altre categorie e, in prospettiva, a tutto il mondo del lavoro.
L’odioso ricatto di Marchionne, imposto in modo autoritario e antidemocratico attraverso un referendum illegittimo sottoposto alla minaccia della chiusura della fabbrica e del trasferimento delle attività all’estero, è in linea con le politiche messe in campo dal Governo, con la condivisione ed il supporto di Confindustria e l’adesione aprioristica degli altri sindacati (politiche finalizzate ad una riduzione complessiva dei diritti, in particolare di quelli del lavoro, all’arretramento dello stato sociale e alla messa in discussione di fondamentali principi democratici).
Lo straordinario esito del voto di Mirafiori è il risultato della scelta della FIOM, del sostegno di tutta la CGIL alle lavoratrici e ai lavoratori FIAT, del loro coraggio e della loro decisione di non accettare questo ricatto e di contrastarlo con forza avviando una battaglia per la libertà e per i diritti e rivendicando il diritto ad avere una propria rappresentanza sindacale in azienda  e una dignità come persone.         
Il Direttivo della FISAC CGIL di Parma esprime la propria condivisione della decisione della CGIL di sostenere lo sciopero e le manifestazioni indetti dalla FIOM, per le giornate del 27 e 28 gennaio scorsi e di attivarsi in ogni modo per la loro riuscita e ritiene necessario che, a fronte di un attacco che presenta caratteristiche di radicalità senza precedenti, si dia avvio ad una mobilitazione generale dell’intera Confederazione  per contrastare e sconfiggere il disegno padronale e governativo,  partendo da una piattaforma complessiva che rimetta al centro il lavoro e i diritti e  per affermare un progetto di società incentrata su questi valori e su questi principi, attraverso il coinvolgimento di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori in un percorso di assemblee in tutti i posti di lavoro e con la proclamazione dello sciopero generale.   Percorso che dovrà essere fondato sui principi che stanno da sempre alla base dell’agire della CGIL: pluralismo, democrazia e rappresentanza, nell’accezione originaria dei termini, evitando qualsiasi strumentalizzazione e mistificazione del significato degli stessi.
Percorso che è stato indicato anche dalle piazze delle manifestazioni FIOM del 27 e del 28 gennaio: la partecipazione massiccia e diversificata, che ha visto unirsi tanti soggetti impegnati nella battaglia per la difesa dei principi costituzionali, per i diritti, per la democrazia, per la dignità della persona. Alla grande adesione delle lavoratrici e dei lavoratori allo sciopero del settore metalmeccanico si è aggiunta una straordinaria partecipazione di moltissime altre persone e la voce della piazza è stata una sola: un attacco così radicale, si può contrastare solo con una risposta adeguata, altrettanto forte, determinata e organizzata con coerenza e con strategie ed obiettivi precisi e concreti, che coinvolga tutto il mondo del lavoro e tutte le altre componenti della società che condividono gli stessi obiettivi.
Solo con una mobilitazione generale ed efficace sarà possibile mantenere unificate le lotte e fronteggiare quindi il disegno - che le controparti, tutte, hanno consapevolmente e strategicamente unificato – di attacco senza precedenti contro i lavoratori e contro la società civile. Non è un caso che gli inaccettabili accordi-ricatto in FIAT abbiano seguìto immediatamente quanto messo in campo dal Governo a danno del Pubblico Impiego e dei lavoratori della conoscenza, oltre che del sistema scolastico nel suo complesso: dal blocco della contrattazione nazionale e degli scatti di anzianità e innalzamento dell’età pensionabile, alla riduzione delle agibilità sindacali - fino al blocco del rinnovo delle RSU -,  all’introduzione di disposizioni per la valutazione, o addirittura delazione, per arrivare alla demolizione dell’impianto contrattuale e al decreto legislativo 150, una vera e propria ‘pietra tombale’ sulle norme preesistenti: una sorta di atto sostitutivo di normative e diritti acquisiti in anni di conquiste sindacali, una sorta di prototipo delle intenzioni che Federmeccanica oggi dichiara. Tutto quanto nasce, con coerenza, da quel disegno accurato e pericoloso che solo con risposte chiare, ferme, forti e altrettanto coerenti potrà essere – seppure con un certo ritardo, che ora sarebbe ingiustificabile aumentare oltre  – contrastato.
Il Direttivo della FISAC CGIL di Parma ritiene altresì che, oltre alle iniziative di carattere sindacale, la CGIL debba mettere in campo tutte le azioni finalizzate a costituire un riferimento per i diversi soggetti che si stanno battendo per difendere i beni comuni e per contrastare i provvedimenti di controriforma volti a peggiorare le condizioni di vita delle persone ed il livello qualitativo complessivo della società; ciò nella consapevolezza che, per contrastare questa deriva autoritaria che vuole eliminare ogni forma di dissenso e comprimere tutti gli spazi di libertà, sia necessario costituire un grande movimento in cui, società civile, giovani, studenti, precari, lavoratrici, lavoratori, pensionate e pensionati uniscano le loro forze per realizzare un modello nuovo ed alternativo di società.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome