Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Coop. Italfreddo, lavoratori penalizzati dai subappalti

21 Giugno 2011
La denuncia di Filt Cgil Parma e Camera del Lavoro di Fidenza

Ancora una volta si registra un caso in cui i diritti dei lavoratori di una cooperativa spuria vengono stritolati nella filiera dei subappalti.

 

È successo, in questi giorni, per i lavoratori della Cooperativa Italfreddo, operante presso il cantiere Marconi Freddeuropa di Fidenza e facente parte di un consorzio di cooperative che sembrerebbe coinvolto, insieme ad altri tre, in un giro di false fatture (per 600 milioni di euro), evasione dell'IVA e stipendi in nero.

 

Quello che è certo è che i lavoratori della cooperativa di logistica, impiegati a Fidenza presso la società Marconi Freddeuropa che si occupa di smistamento e facchinaggio di alimenti surgelati, hanno appreso in questi giorni dai responsabili di Marconi che la loro azienda, in qualche modo coinvolta, avrebbe lasciato l'appalto e non sarebbe nelle condizioni di pagare gli stipendi.

 

La Filt Cgil di Parma e la Camera del Lavoro di Fidenza hanno da tempo avanzato una richiesta di incontro alla Marconi Freddeuropa, proprio per discutere delle difficili condizioni retributive e di lavoro dei dipendenti delle cooperative impiegate in appalto presso il loro cantiere, ma non sono stati ascoltati, nessuna convocazione, nessuna risposta è arrivata.

 

Ora il committente, la Marconi Freddeuropa, non può lasciare questi lavoratori al loro destino; deve, come anche previsto dalla legge e dal CCNL, farsi carico delle retribuzioni, dell'occupazione e del futuro lavorativo di queste persone.

 

Per questo il sindacato chiederà nuovamente un incontro alla cooperativa e ha già coinvolto l’Amministrazione comunale di Fidenza, nella convinzione della necessità di attivare le istituzioni del territorio per mettere un argine a questo genere di deregolamentazioni contrattuali.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome