Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Giovedì 19 Settembre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Cercasi contratto, sparito da 6 anni: domani, 31 maggio, sciopero per appalti pulizie e multiservizi

30 Maggio 2019
CCNL scaduto da 72 mesi. FILCAMS CGIL: “I 600 mila lavoratori del comparto sono esausti”. La manifestazione si terrà a Roma in piazza della Bocca della Verità

È tutto pronto per domani, venerdì 31 Maggio, giorno dello sciopero con manifestazione a Roma in Piazza della Bocca della verità  proclamato dai sindacati unitari di categoria per reclamare a gran voce lo sblocco del rinnovo del contratto nazionale pulizie e servizi integrati/multiservizi.

Si tratta di 600mila addetti, in prevalenza lavoratrici, che hanno il contratto bloccato da oltre 72 mesi, praticamente 2 rinnovi contrattuali saltati, con tutto ciò che significa in un settore che parte da salari bassi con contratti quasi esclusivamente part-time.

Sono i cosiddetti “lavoratori invisibili”, così soprannominati perché tutti i giorni, lontani dagli sguardi dei più, Spesso al mattino presto o di sera o ad impianti chiusi svolgono un duro e gravoso mestiere, per permettere a tutti noi di utilizzare degnamente ospedali, scuole, tribunali, uffici, banche e caserme, per non parlare della rilevanza della loro presenza all’interno dell’industria alimentare o chimica che sia.

Sono lavoratrici e lavoratori che hanno subito pesantemente la crisi, perché la paga oraria è bassa e assolutamente non adeguata al costo della vita, perché non lavorano mai per la “loro” azienda ma sempre in appalto, con tutti i rischi e le incertezze legate ai continui cambi, alle incursioni sul territorio di aziende spregiudicate alla rincorsa continua del “massimo ribasso”, purtroppo consentitogli anche da decreti come l’attualissimo Sblocca-cantieri.

Il risultato è uno stipendio basso e condizioni misere ed incerte, o, nella peggiore delle ipotesi, il ritrovarsi vittime di aziende che svaniscono nel nulla insieme a stipendi e TFR dei lavoratori. Spesso in queste situazioni l'eccezione è poter avere almeno il proprio cedolino paga.

Dopo 72 mesi di trattativa la proposta delle controparti aziendali è un aumento irrisorio in cambio della rinuncia alla retribuzione per i primi 3 giorni di malattia! Per il sindacato tale proposta risulta inaccettabile e per contro rivendicano, per lavoratrici e lavoratori del settore, un salario dignitoso accompagnato da diritti e tutele contro precarietà e sfruttament,o oltre a regole di trasparenza e correttezza nella gestione degli appalti, che risultano peraltro il canale più comodo ed efficace per infiltrazioni mafiose e riciclo, cose di cui i lavoratori finiscono per essere vittime due volte: come lavoratori e come cittadini!

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome