Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Sabato 19 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Caro-bollette: lettera al direttore di Iren

22 Luglio 2011
Cgil, Cisl e Uil di Parma segnalano i disagi di diversi cittadini di Parma

Cgil, Cisl e Uil di Parma hanno segnalato, a mezzo lettera, nella giornata di ieri, al direttore di Iren, e per conoscenza ai sindaci dei Comuni di Parma, Langhirano, Collecchio, Noceto, Sorbolo, Colorno e Torrile, oltre che all’assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Parma, alcune problematiche legate alla fatturazione delle bollette e al disagio economico di diversi cittadini.

 

Ai sindacati confederali sono infatti pervenute, da parte di utenti Iren, diverse segnalazioni di bollette con importi errati e/o con scadenze incredibilmente ravvicinate. Inoltre, i consumi fatturati come acconto, in alcuni casi non coincidono e superano gli effettivi consumi.

 

Infine le organizzazioni sindacali hanno sottolineato il pesantissimo disagio di quelle famiglie di utenti morosi alle quali, in alcuni casi fortunatamente sporadici, è stata interrotta l'erogazione dell'acqua. Fermo restando il diritto della multiutility di attivarsi per il recupero dei crediti, il blocco del servizio idrico, oltre che del gas, arreca alle persone, secondo i sindacati, un danno assolutamente sproporzionato rispetto a quello subito da Iren con il mancato pagamento della tariffa.

 

Con il taglio dell'acqua, la penalizzazione delle persone che si determina da un punto di vista sociale, relazionale e igienico, è intollerabile. A tale proposito va precisato che altre società che forniscono il servizio idrico in provincia di Parma non interrompono mai e in nessun caso l'erogazione dell'acqua.

 

Cgil, Cisl e Uil territoriali hanno dunque chiesto a Iren di interrompere tali prassi, invitando peraltro i Comuni attivarsi nei confronti di Iren inoltrando analoga ferma richiesta.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome