Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 22 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Banca Monte Parma, i sindacati confederali al fianco dei lavoratori

22 Giugno 2011
Cgil, Cisl e Uil chiedono risposte sul futuro dell'istituto di credito e degli assetti occupazionali

Le segreterie confederali di Cgil, Cisl e Uil di Parma ritengono doveroso intervenire sulla vicenda Banca Monte Parma, a seguito del presidio dei lavoratori svoltosi nel pomeriggio del 15 giugno, davanti a Palazzo Sanvitale, in concomitanza con la riunione del Consiglio di Amministrazione dell’istituto di credito e dell’assemblea straordinaria degli azionisti.

 

Nell’esprimere forti preoccupazioni per l’eccessivo protrarsi di questa fase di transizione, che sta determinando nei dipendenti una situazione di grande incertezza, i sindacati confederali si chiedono, al pari dei lavoratori, per quale motivo Intesa-S.Paolo non accolga la richiesta di un confronto sindacale sul futuro degli assetti occupazionali e aziendali, quando di fatto risulta già operativa, con propri uomini e interventi, all’interno di Banca Monte.

 

Quanto poi alla solitudine che i lavoratori lamentano, sentendosi abbandonati dalle istituzioni locali, Cgil, Cisl e Uil non possono che ritenere perfettamente comprensibile tale stato d’animo, in quanto l’azione di pressione svolta da Comune e Provincia di Parma, che si erano impegnati a portare l’istituto di credito ad un confronto di merito sul ruolo della banca locale e sulle garanzie per i lavoratori, di fatto mai avvenuto, sembra venuta meno e chiedono con urgenza che il filo dell'iniziativa sia immediatamente ripreso.

 

Infine Cgil, Cisl e Uil si uniscono alle critiche che i dipendenti hanno rivolto all’Assemblea degli Azionisti di Banca Monte in ordine alla decisione di procedere solo parzialmente all’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori, concentrandosi unicamente sull’ex direttore generale e salvaguardando, invece, l'ex presidente e gli altri amministratori coinvolti. É inoltre grave la decisione di non riconoscere a tutti dipendenti il premio aziendale, confermando al contrario, attingendo da quelle risorse, un sistema incentivante (che prevede cifre molto alte) riservato in particolare ai dirigenti e ai quadri. Con queste scelte si decide di penalizzare esclusivamente i normali dipendenti che in questi anni di disastri sono stati quelli che con serietà e professionalità hanno portato avanti la banca. Un’incongruenza che si aggiunge alle già troppe contraddizioni e zone d’ombra che stanno contrassegnando questa pesante vertenza. Le tre confederazioni assicurano il massimo impegno per il futuro della banca e per la tutela dei lavoratori.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome