Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Giovedì 19 Settembre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

Appalti FS: a rischio assistenza viaggiatori con disabilità e a ridotta mobilità nelle stazioni ferroviarie dell'Emilia Romagna

18 Giugno 2019
A lanciare l'allarme FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, SLM FAST Emilia Romagna

Ancora una volta ci troviamo a denunciare gli effetti distorsivi e dannosi dello “spezzatino” di appalti nell'ambito di Gruppo Ferrovie dello Stato, lanciando oggi l'allarme per il servizio fondamentale e indispensabile di assistenza in stazione dei viaggiatori con disabilità e a ridotta mobilità, offerto da RFI spa - attraverso l'appalto “RFI PRM” - secondo le condizioni previste dal Regolamento CE 1371/2007 sui diritti e gli obblighi dei passeggeri del trasporto ferroviario. 
 
Dal 1° luglio ci risulta sia previsto il cambio appalto che vedrà da parte dell'azienda subentrante – della quale a soli 15 giorni di distanza, vista la mancata comunicazione dal consorzio CNCP, non conosciamo ancora il nome -  l'esercizio esclusivo di tale servizio, non in  sinergia, pare, con altre attività ferroviarie. Una simile organizzazione temiamo possa pregiudicare  la sostenibilità operativa del servizio di assistenza a viaggiatori disabili e a ridotta mobilità in Emilia Romagna,  generando di fatto la perdita di decine di posti di lavoro, il ricorso ad un sistematico utilizzo di lavoratori somministrati e il mancato pieno rispetto  del CCNL della Mobilità/Attività Ferroviarie.
 
Ci rivolgiamo alla committente RFI, al Prefetto di Bologna e alla Regione Emilia Romagna  chiedendo garanzie sul servizio di assistenza dei viaggiatori con disabilità e a ridotta mobilità  in EmiliaRomagna, sulla sua sostenibilità economica, operativa ed organizzativa per le aziende in appalto che vi devono operare, a tutela dei lavoratori e dei posti di lavoro, nel pieno rispetto del CCNL della Mobilità/Attività Ferroviarie.
Ribadiamo al Gruppo FS la necessità di un intervento serio e responsabile negli appalti ferroviari, per porre fine a questa degenerazione di sistema, a tutela del mantenimento dei livelli occupazionali ed a garanzia della qualità del servizio.
 
Le segreterie FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, SLM FAST  Emilia Romagna

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome