Questo sito non utilizza cookie per le proprie funzionalità o per mandarti pubblicità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie tecnici per la gestione del sito. Per saperne di più clicca qui.
CGILParma.it




ISCRIVITI ALLA CGIL


Martedì 22 Ottobre 2019
HOME PAGE
CATEGORIE
SERVIZI
CHI SIAMO
ORARI E SEDI
CONTATTACI

2 giugno, salviamo la Costituzione e la Repubblica

27 Maggio 2011
Anche una delegazione della Cgil di Parma a Milano

Come nel 2010, anche quest’anno, il 2 giugno, in occasione della festa della Repubblica, si svolgerà a Milano una grande manifestazione per ricordare e riaffermare il legame indissolubile tra Costituzione e valori repubblicani, che hanno le loro comuni radici nella Resistenza quale moto popolare di donne e di uomini che ha liberato il Paese dall’occupazione tedesca, dalla dittatura fascista e riunificato l’Italia.

 

Del comitato promotore dell’iniziativa, insieme ad innumerevoli associazioni partigiane, culturali e di volontariato sociale, fa parte anche la Cgil, che ritiene che i recenti e sempre più incalzanti tentativi di modificare la nostra carta costituzionale rappresentino il grimaldello per scardinare anche il sistema dei diritti del lavoro e delle tutele sociali.

 

La Costituzione è alla base della nostra libertà e del nostro vivere civile. In essa sono scolpiti i pilastri della nostra democrazia: i diritti umani e sociali, la partecipazione della cittadinanza alla vita sociale e politica; la passione egualitaria verso i diritti di cittadinanza, riconosciuti a tutti, a partire dal diritto al lavoro e alla formazione, eliminando gli impedimenti e gli ostacoli e creando le condizioni al suo esercizio effettivo; l’autonomia e la separazione dei poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario), compreso quello dell’informazione; e la loro indipendenza, la loro laicità e l’equilibrio tra di essi. Oggi questi pilastri e questi principi sono a rischio. E dunque la stessa democrazia può entrare in crisi e correre rischi di svuotamento e di involuzione.

 

Gli attacchi del Governo e della sua maggioranza parlamentare alla Costituzione e alle Istituzioni di garanzia finiscono per delegittimare le regole fondamentali su cui si basa la civile convivenza e sulle quali si può costruire, per i giovani, una vita serena e dignitosa ed una speranza per il futuro. Non è più possibile tollerare gli insulti alla Corte Costituzionale ed alla Magistratura, le surrettizie proposte di modifica all’articolo 1 della Costituzione, così come i tentativi tardivi del Governo di artificiose modifiche di legge sui temi posti all’attenzione della popolazione dai prossimi referendum su acqua, nucleare e legittimo impedimento; questi escamotage legislativi tendono esclusivamente a vanificare il diritto al voto delle elettrici e degli elettori, minando il ruolo di uno dei più significativi presidi democratici a disposizione dei cittadini.

 

Per questo l’appuntamento del prossimo 2 giugno a Milano, che vedrà anche la partecipazione di una delegazione della Cgil di Parma, si colloca in una prospettiva di piena coerenza e continuità sia con lo sciopero generale del 6 maggio scorso, sia con le grandi mobilitazioni che in questi mesi hanno segnato il “risveglio” della società italiana. Il concentramento è previsto alle ore 14.00 ai Bastioni di Porta Venezia; il corteo concluderà poi il suo percorso in piazza Castello dove interverranno, tra gli altri, Susanna Camusso, segretaria generale CGIL, e il Presidente dell'ANPI Nazionale Carlo Smuraglia.

CONDIVIDI


SU TWITTER
SU FACEBOOK




A cura dell'Ufficio Stampa e del Centro Sistemi Informativi CGIL di Parma © Copyright 2000-2019
Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome Ottimizzato per Google Chrome